Sala XV

Continua la visita guidata

< Indietro
Prossima sala >
La sala è chiamata "Sala delle Sibille" per la raffigurazione presente nel fregio: le Sibille sono rappresentate a figura intera all'interno di medaglioni collegati da decorazioni animali e floreali ed attorno ad ogni medaglione è inserita una scritta in latino, tratta dall’antico testo "La Passione di Revello" (testo di autore anonimo, molto utilizzato tra il 1400 ed il 1500 per le celebrazioni religiose del periodo quaresimale e pasquale).

Le Sibille, secondo la mitologia greco-romana, erano creature semidivine, capaci di conoscere il futuro che poi annunciavano agli uomini attraverso frasi brevi ed oscure. Nel Rinascimento, invece, le Sibille vengono dipinte all’interno di chiese o palazzi come personaggi che annunciano messaggi della religione cristiana (come succede in questa sala).
La stanza è priva di arredi e vi si accede attraverso una porta antica scolpita nel 1475 circa.